Quando il Sudafrica incontra l’Italia – OraZero

Quando il Sudafrica incontra l’Italia – OraZero

Qual è oggi il punto di incontro più  immediato tra due culture differenti? Il CIBO, ovviamente! Martedì sera ne abbiamo avuto ulteriore prova presso EATALY di piazza XXV Aprile a Milano, durante una sorta di inaugurazione della settimana milanese dal 13 al 18 ottobre dedicata al Sudafrica e alle sue specialità culinarie rappresentative. Ecco i protagonisti:

Foto di Stefano Adami

VINO, STRUZZO e RICCIOLA

A far da padrone dello spazio dedicato allo show cooking è stato lo chef Domenico della Salandra, del ristorante Il Taglio, il quale si è cimentato nella realizzazione si semplici ma gustose ricette con il solo uso degli ingredienti importati dal Sudafrica dai produttori stessi.

DSCF1651

Abbiamo così potuto assaggiare la rinomata carne di struzzo, allevamento molto diffuso in tutta l’area sudafricana, e della splendida ricciola accompagnata da una salsa piccante importata da WCFFI (Western Cape Fine Food Initiative) presente all’evento con i suoi prodotti culinari, quali salse, frolle, tè rooibos ed altri prodotti da condimento.

WCFFI (Western Cape Fine Food Initiative) - foto di Stefano Adami

SOUTH AFRICAN WINE ROUTE

Ad accompagnare il tutto non poteva mancare il prodotto che ha reso famoso il Sudafrica specialmente negli ultimi anni: il vino.

Foto di Stefano Adami

Gli importatori AfriWines e Franclim Wines erano presenti con i loro ottimi Chardonnay, Souvignon e Pinotages per rappresentare con fierezza il frutto della vigne sudafricane, della rinomata zona dello Stellenbosh e non solo, che oggi si sta facendo sempre più strada sul mercato italiano, come ci spiega con suddisfazione l’importatore dei vini con l’etichetta AfriWines Fabio Albani.

Foto di Stefano Adami

Il console generale sudafricano ha fatto gli onori di casa, aprendo la serata con un caloroso saluto ed esprimendo la contentezza per l’incremento dei rapporti economici tra Italia e Sudafrica negli ultimi anni. Per noi italiani, infatti, la parte sud del continente africano rappresenta non solo un buon investimento economico, ma oggi è vista come una meta turistica “affordable” – come ben definisce il console – dove scoprirne i paesaggi, gli usi e i costumi, vivere esperienze all’aria aperta e ricca di prodotti culinari che possono facilmente soddisfare i nostri palati.

foto di Stefano Adami

NOT ONLY WINE: WE DRINK ROOIBOS TEA

Per i nostri lettori ricordiamo che una delle produzioni più soddisfacenti del Sudafrica, che ne è unico produttore mondiale, è il tè rosso chiamato Rooibos. Per saperne di più vi consigliamo la lettura dei nostri articoli a riguardo a seguito del nostro viaggio nella valle del Cederberg.

Da provare: AUDACIA, un favoloso vino rosso by AfriWines realizzato con l’aggiunta del tè Rooibos durante la lavorazione…audace!

Curiosi? Leggete qui il nostro diario di viaggio in Sudafrica.

Parole di Elisa Da Rin Puppel

Foto di Stefano Adami

 

 

Condividi Articolo:

Scrivi un commento

commenti