Mr. GIN: questo sconosciuto

Mr. GIN: questo sconosciuto

Lo Speciale Gusto di oggi è dedicato ad un sapore forte e deciso: il GIN. Spesso sottovalutato come uno dei vari ingredienti per i cocktails, ecco come la sommelier Stefania Turato lo esalta nel Martini Cocktails qui proposto.

In questo inizio d’autunno improvviso, ho desiderato assaggiare il cocktail Martini, fatto come si deve, dove Gin e Vermouth sono i protagonisti.

Vi presento Mr. Gin:

Tradizionale il Vermouth Dry prodotto da Ciliegio Tigre, de La Compagnia dei Caraibi, con vini del Piemonte, di solito Erbaluce e 26 Botanicals. Straordinario anche da solo su una carne piemontese cruda battuta a coltello, volendo fare una deviazione di gusto.

Molto si trova in rete sul Gin, una documentazione ampia arricchita dalle bellissime storie sulle sue origini.

Colonna di molti cocktails, lo trovo fantastico gustato anche liscio.

Gin&Martini:

L’altro ingrediente del Martini Cocktail è il Gin. Ricetta inglese, ricetta ispanica, con 57,3% di alcool come in questo Plymouth Gin da me suggerito:
Plymouth gin, foto di Stefania Turato

Plymouth gin, foto di Stefania Turato

Come preparare il Martini Cocktail:

Per preparare il classico cocktail Martini si sporcano i cubetti di ghiaccio con del vermouth che poi viene messo da parte; vengono aggiunte una nuova dose di vermouth e quattro parti del Gin che avrete scelto. Come ultimo tocco si aggiunge un oliva nel bicchiere che si impregnerà del gusto del cocktail servito. Logicamente l’oliva, che mordicchierete come l’orecchio della vostra donna o del vostro uomo, dovrà essere piccola!

Godetene!

Articolo e foto di Stefania Turato 

Condividi Articolo:

Scrivi un commento

commenti

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.