L’arte in video emerge a Milano con Areavideo

L’arte in video emerge a Milano con Areavideo

Uno spazio fisico e virtuale, artistico e creativo, un luogo dove l’arte prende forma trasformandosi in video e al contempo crea e promuove un’arte palpabile e visionabile.

Per gli artisto è un mondo e un modo underground di vivere gli spazi artistici, non stretti ai soliti dogmi, ai loro giri, alle loro gallerie, ai loro collezionisti.

Un luogo comune, eterogeneo, che rende per contrasto ancora più meritevoli le piacevoli eccezioni.

Il progetto partito a Milano ieri, 20 febbraio, è un elaborato dei Masbedo e Luca Bradamante e prende il nome di Areavideo, al civico 6 di via Gentilino.

Areavideo è una piattaforma, come la definiscono i creatori, che invita videoartisti giovani e meno giovani a condividere un loro lavoro lasciato “scorrere” in vetrina e “offerto a tutta la città”.

Donare arte, promuovere la creatività, punto di incontro, occasione per ritrovarsi e parlare, un collettore di risorse pratiche per divulgare l’arte attraverso video creativi.

Ad aprire le danze è mirror (pink) di Esther Mathis: un minuscolo specchio lasciato emergere dalle acque del Mar Morto riflette la luce del sole, documentando attraverso le variazioni di intensità e angolazione lo scorrere fluido del tempo.

Articolo di Lorenzo Chiaro

Condividi Articolo:

Scrivi un commento

commenti