In&Out – Elisa vs. Jessica

In&Out – Elisa vs. Jessica

In questo inizio anno Elisa si permette di fare uno step into “Di Classe e Favolosa“, la rubrica di Bello2Buono ormai completamente affidata alla nostra Coco Chanel: Jessica Fabiano.

Vgliamo ricordare ai nostri lettori che questo articolo è stato ideato e scritto per la rivista bellunese La Theka, risquotendo un gran successo e tanta ammirazione…del resto la nostra Jessica è l’emblema della Donna di Classe e Favolosa…come non innamorarsi!

Per chi volesse leggere on line La Theka vi suggeriamo questo link, per la versione cartacea invece non esitate a contattare bello2buono@gmail.com e provvederemo ad inviarvene una copia con enorme piacere!

Ed ora ecco a voi i consigli di Jessica per essere always In in questo 2013…Have a Fabulous 2013 readers! 

In&Out_credits Camilo Navarrete

To be In or To be Out?

In&Out, suonano un po’ come “essere o non essere” questa coppiata di termini entrati a far parte del linguaggio di noi italiani alla moda. Essere In oppure Out, è diventato un concetto, o forse meglio un dilemma, che ci accompagna nella vita di tutti i giorni. Io che da un po’ di tempo faccio la spola tra Londra e Milano, mi sono chiesta varie volte se “essere In” sia davvero l’opposto di “essere Out”. O se città come Milano e Londra ti permettano invece di esprimerti completamente, attraverso il tuo modo personale di vestire, o anche solo di saper indossare certi indumenti.

Per scrivere un articolo sulla moda, però (io che di moda ci capisco poco indossando esclusivamente vestitini comprati a poche sterline nei mercatini di Portobello Road), mi sono affidata ad una mia cara amica, Jessica, anche lei italiana a Londra, trasferitasi nella grande City del Regno Unito alla rincorsa dei propri sogni con un solo, unico, modello di vita e di stile: Gabrielle Coco Chanel. Ecco qui di seguito un abstract tratto da una delle nostre discussioni sulla moda e sul concetto, diventato ormai un precetto di vita, di In&Out:

Cara Jessica, milanese d’origine e londinese d’adozione, cosa pensi della moda? So che il tuo stile è molto classico, guardandoti sembri ispirarti a modelli di classe ed eccezione come Audrey Hepburn e Coco Chanel. Cosa vuol dire per te “essere alla moda” o “essere In” ? Corrisponde alla tua idea di “avere classe nel vestire”?

Moda? Se parliamo di moda credo che dovremmo aprire un capitolo molto ampio
su questo argomento. Generalizzando si rischia sempre di essere riduttivi. La moda è arte. La mia stilista di eccellenza, Gabrielle Coco Chanel, diceva:

“La moda
passa, lo stile resta”
.

Le tendenze nel vestire ora sono dettate dalla nostra società, dalle case di moda e dai più famosi stilisti. Ma credo stia a noi prendere il meglio dai suggerimenti dei grandi stilisti e indossare quello che a noi fa sentire trendy  ed a nostro agio. Questo è importante! Penso anche che la moda sia fatta di epoche. E per quanto mi riguarda, come puoi ben vedere, io mi
ispiro ad una moda classica, amo accessori ch non tramontano mai, come
pellicce,  perle e seta: essi sono la base del mio look!

Non dimentichiamoci però che
l’eleganza nasce da noi stessi e dalla nostra anima, nessuno può insegnarci ad essere di
classe. Appunto, in Italia diciamo: “La classe non è acqua!”

Ritieni che questo “avere classe” sia In o Out? Mi spiego, spesso affidarsi ai modelli classici pare essere un po’ out visto la varietà delle tendenze estreme che lanciano soprattutto città come Londra e Milano. Tu come ti ritieni? In o Out?

Dal mio punto di vista credo ci sia una mescolanza fra le due tendenze. Essere In piuttosto che Out sono stili che una persona decide di assumere. E in questo caso identifico la tendenza In come una moda classica, intramontabile, contrapposta ad uno stile Out, il quale non ha modelli di riferimento né si distingue per un’attenta cura al dettaglio. Personalmente io mi pongo a favore della tendenza In anche se non giudico, non critico ma rimango
dell’idea che essere In significhi puramente avere classe.

Perché uno stile classico dovrebbe essere In, mentre l’esagerazione e il saper osare (indossando magari abiti eccentrici o borse e scarpe audaci) Out? Ultimamente gli accessori, come borse e scarpe delle grandi marche, sembrano promuovere uno stile decisamente estremo. Credi che una persona si possa sentire In semplicemente indossando il marchio?

Una donna, come un uomo, non deve assolutamente sentirsi In portando una
borsa di una grande firma. Credo sia il buon gusto che una persona ha nel vestirsi che fa la differenza e non
la firma che porti. Trovo del tutto anti-fashion indossare accessori e vestiti
non originali. Possiamo indossare marchi meno costosi e restare molto
eleganti.

Come definiresti il concetto di “Essere In”?

Penso che la tendenza In sia riservata, poco appariscente e “timida”. Gli accessori dettati dal “essere In” presentano delle linee semplici e i colori classici si contrappongono ai dettagli audaci della tendenza Out che propone accessori stravaganti e colori in vista. In una parola direi che In è femminilità!

Come ti trovi a vivere in città come Londra o Milano dove lo stile classico fa spesso i conti con lo sfrontato street-style?

Vivere in una città come Londra ti apre molte vedute, ci sono milioni di
stili e di mescolanze, a volte anche dettate dalle culture differenti tra loro.
Milano rimane una città ancora molto classica, dove si rischia a volte di perdere la propria
personalità. Londra invece è assolutamente stravagante, eccentrica, bizzarra, ma se sei
elegante, riesci sempre a distinguerti! Non chiedermi perchè, ma mi capita
spesso di essere fermata per strada o per i negozi, e ricevere complimenti per
il look, con una domanda tipica che segue: “Ma sei italiana?”.

Eleganza e Classe: ecco cosa distinguono Milano da Londra. In conclusione, citando un aforisma di Chanel:

“Se una donna è malvestita si nota
l’abito. Se essa è impeccabile si nota la donna”.

Grazie Jessica! Credo che questo nostro dialogo confidenziale si sia trasformato in una vera e propria “lezione di Classe”.

Ancora dei dubbi sull’essere In piuttosto che Out? Io no, metto nella mia borsa (senza alcun marchio addosso) il mio quaderno con gli appunti presi durante la chiacchierata con Jessica, e mi dirigo verso San Babila, cuore dello shopping milanese, per andare al lavoro. Jessica farà lo stesso, con la sua borsa di stile e foulard al collo, immergendosi nelle strade di Londra.

Saremo In o Out? Beh, starà a voi passanti ammiratori deciderlo!

The above image has been taken by Camilo Navarrete in the London’s shopping area.

Condividi Articolo:

Scrivi un commento

commenti

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.