D.a.l.ì. Dolce Allucinazione Lenta Indigestione.

D.a.l.ì. Dolce Allucinazione Lenta Indigestione.

Martedì 19 novembre uscirà il primo lavoro discografico dei Nervovago: D.a.l.ì. Dolce Allucinazione Lenta Indigestione. Un progetto ricco di colori, suoni, paure ed emozioni che richiamano gusti e sapori differenti; un elogio completo all’arte, a partire dal curioso titolo che cela mille significati. Ecco un’intro all’album seguito da un’interivsta esclusiva ai Nervovago.

D.a.l.ì come il pittore o come punto di partenza o anche come “dolce allucinazione, lenta indigestione”

E poi, il cibo in copertina ? E il rock ? I nervovago spiegano che a volte non sanno se mangiarlo, il disco, o ascoltarlo!!!!

I dolci sono una finestra felice, i ricordi, la tipica frase “buon viso a cattivo gioco” oppure “la mela rossa delle favole”, belli e buoni e ti fanno sognare quasi misticamente..[ "questo cibo è una droga e non vuoi più nessun’altra cosa (cit. La Cosumazione/nervovago)]

Dall’altra parte c’è, invece, la parte oscura, il caos, le visioni che prendono corpo ed emergono [“Mi accorsi che ero entrato in un buco nero: non era la musica, era una forza del male"(cit. RS)]

I colori scelti per l’album vogliono essere un’ulteriore chiave di lettura dell’intero progetto in quanto riflettono anch’essi i sentimenti raccontati nei brani e le intenzioni comunicative generali. Il turchese, infatti, è un colore creativo ed equilibrato che stimola l’interesse, e la comunicazione interpersonale. L’arancione porta in se il desiderio e rappresenta la percezione sensoriale legata all’appetito. È un colore che stimola il movimento liberando dalle frustrazioni; è inoltre indicativo di un bisogno di esperienze intense.

Il disco è, quindi, una ricetta personale per la cura dei sentimenti o un modo per esorcizzare i propri “mostri” personali.

 

INTERVISTANDO NERVOVAGO:

- Come mai l’associazione musica e gusto?

Secondo noi anche la musica ha un sapore e va degustata assaporandone ogni dettaglio.

- Che cosa vi spinge ad associare l’ascolto dei vostri brani ad una digestione?

Ci riferiamo al processo con il quale ognuno riesce a assimilare ogni singolo suono, sentimento, paura, ecc di ogni canzone. Dal nostro punto di vista la digestione, riferita alla musica, è la vita stessa di una canzone, dal momento in cui nasce l’idea al rapporto carnale (te la canti e te la suoni) fino al momento della metabolizzazione.

- Pensate che il cibo sia un buon aggancio per avvicinare il pubblico a delle opere nuove, sia musicali che visive?

Senza dubbio i dolci in copertina pongono l’ascoltatore di fronte ad una tentazione e allo stesso tempo stimolano un ricordo… avete mai fatto caso all’entusiasmo delle persone davanti alla vetrina di una pasticceria fantastica… e oltretutto il cibo, in questo caso i dolci, sono anche un bisogno primario.

I Nervovago sono i Willy Wonka della musica!!!

- Da dove nasce questa passione per musica e cibo?

Non puoi vivere senza musica… non vivi se non mangi!!

- Nella presentazione associate i dolci ad una “finestra felice” e il cibo ad una “droga”, sana sanissima! Vi rendete conto della forza positiva che porta il vostro messaggio? Cosa volete esattamente trasmettere con questi brani?

Beh ci fa piacere trasmettere positività… il nostro messaggio verte ad evidenziare e rimarcare il fatto che in ogni cosa buona ce n’è una cattiva e in ogni cattiva ce n’è una buona.

- Nella presentazione parlate anche dei colori dell’album legati alla stimolazione dell’appetito. Parlaci di queste sfumature.

Il colore influenza inconsciamente molti aspetti della nostra vita, la cromoterapia è un valido esempio. Il turchese, infatti, è un colore creativo ed equilibrato che stimola l’interesse e la comunicazione interpersonale. L’arancione porta in se il desiderio e rappresenta la percezione sensoriale legata all’appetito. Oltretutto è un colore caldo e ricco di energia, ottimo per incoraggiare il consumatore all’acquisto!

- Non possiamo che concludere citando la tua definizione per questo album: “una ricetta personale per la cura dei sentimenti”. La troviamo davvero bellissima! Ma quali sono gli ingredienti base per “liberarsi dai propri mostri”?

Senza dubbio gli ingredienti sono difficili da trovare, possiamo solo darvi un aiuto:

ascoltate in nostro disco !!!!

Segui i Nervovago sulla loro pagina FB

website : www.nervovago.com

dal 19 Novembre in rotazione radio il singolo “Senza Te”

Testo di Elisa Da Rin con Luca Scopetti

Condividi Articolo:

Scrivi un commento

commenti