#BackDoor43: vi sveliamo il locale più piccolo al mondo

#BackDoor43: vi sveliamo il locale più piccolo al mondo

“HITCHCOCK – La settimana del brivido a lire 150”, “La posta in gioco di Doris Miles Disney”, “La polizia vi ascolta di Sanders”…

Tutti questi indizi sono stati svelati ai milanesi followers dell’ormai noto hashtag #BACKDOOR43 solamente venerdì 22 maggio scorso. A che cosa portavano tutti questi gialli? Al BackDoor43: una nuova idea geniale artificio del team di cocktails barmen dei rinomati locali milanesi MaGCafè e 1930.

Che cosa si nasconde dietro alla BackDoor di via Porta Ticinese 43?

BackDoor34_di_Cristoforo Colombo_n

Noi di OraZero abbiamo ricevuto le chiavi, fatte sfilare da una mano (apparentemente) sconosciuta attraverso una finestrella al civico 43 di Porta Ticinese, e ci siamo entrati…si è trattato di un vero e proprio sbalzo temporale in un’altra epoca, questa volta non ben definita, forse sarebbe meglio descrivere questo posto come uno “spazio fuori dal tempo”, misterioso ed esclusivo!

1, 2, 3, 4, 5…i numeri magici per un viaggio nel tempo

UNO: IL MONDO IN UNA STANZA

L’ambiente che ci ha accolto è a dir poco piccolo, in pochi metri quadri si sviluppa un mondo, quello del Whisky. BackDoor 43 nasce infatti come una Whisky Room e si i sviluppa poi come luogo esclusivo dove due o tre persone per volta possono degustare del buon whisky, uno dei 5 cocktail proposti, o ancora soddisfare le proprie richieste più insolite riguardanti il vasto campo del beverage esprimendo i propri desideri culinari al sapiente barman (con tanto di maschera allaV per Vendetta) che li accoglie.

BackDoor43_OraZero

DUE: sono le ore di tempo massime concesse per ogni soggiorno nella whisky room più piccola ed esclusiva d’Italia (o forse d’Europa e del mondo!)

TRE: è il numero perfetto che si viene a creare. Lo spazio è talmente intimo che potete soggiornarvi solamente in tre: voi stessi, l’amico o partner prescelto per la speciale occasione ed il barman.

QUATTRO: sono le regole da rispettare (*for take away only):

-          Puoi ordinare solo un cocktail alla volta

-          Oltre alla tua ordinazione non fare altre domande

-          Se hai ricevuto il cocktail, non puoi più stare qui

-          Non provare ad aprire porte chiuse

BackDoor - OraZero - Foto di Stefano Adami

CINQUE: sono le storie raccontate da ogni drink in lista

Come vi abbiamo anticipato prima, i drinks che si possono degustare una volta varcata la porta segreta dopo la consegna della chiave non sono solamente 5 (anzi!), ma questo numero limitato è dedicato solamente a chi usufruisce del BackDoor43  come finestra dove ordinare dei cocktails take away e continuare a passeggiare sui Navigli per un bel aperitivo senza aver l’angoscia di cercare un tavolino. I 5 drinks proposti non sono casuali, ovviamente, e riassumono la storia degli spirits in generale nel suo passare di mode ed epoche. Per ognuno è stato creato un bicchiere apposito take away sul quale vi è svelata la vera storia del drink.

Curiosi? Beh, vi possiamo dire che l’autentico Moscow Mule non conteneva né cetriolo né menta!

BackDoor - OraZero - Foto di Stefano Adami

Non è abbastanza? Provate ad hashtaggarli:

#bombaytonic

#whiskysour800

#thestolimule

#thedarksailor

#ilmilanese

Ma le sorprese non finiscono qui…il menù cambierà ogni mese, e starà a voi scoprire che mappa o cartina geografica si cela dietro ad ogni menù! Nel frattempo…provate ad alzare la testa e, tra le miriadi di bottiglie di whisky torbato, fotografie antiche, pelli di maiale sotto formalina e mani finte…scoverete la mappa che vi ha portato in questa macchina del tempo, elitaria ed aperta ai più al tempo stesso.

BackDoor - OraZero - Foto di Stefano Adami

Galleria fotografica by Stefano Adami

Parole di Elisa Da Rin Puppel

Immagini di Stefano Adami e Pagina FB di  ufficiale di #BackDoor 43

Leggi anche “Torino-Milano: un viaggio con Andrea Dracos”

Condividi Articolo:

Scrivi un commento

commenti